Graffaggi per murature
Sicurezza e affidabilità

Con i graffaggi si possono collegare due pareti di una muratura a doppio strato, ottenendo una struttura più stabile e resistente. Viene utilizzato acciaio INOX tipo AISI 304, in grado di garantire una resistenza alla trazione superiore a 1,5 kN ed eliminare i danni dovuti a corrosione e ossidazione. L'acciaio INOX presenta anche il vantaggio di ridurre in maniera consistente il ponte termico, in quanto presenta una conducibilità termica inferiore dell'80% rispetto al normale ferro da costruzione o all'acciaio zincato.

Il numero e le posizione degli ancoraggi devono naturalmente essere stabiliti dal progettista, anche perché la lunghezza degli ancoraggi viene eseguita su specifica richiesta del Cliente, a seconda delle dimensioni della distanza tra le due pareti. Indicativamente si suggerisce l'utilizzo di 5 ancoraggi al metro quadro, distribuiti in maniera uniforme su tutta la superficie. Nelle zone d'estremità (finestrature, margini edificio, ecc...) è opportuno collocare altri 3 ancoraggi per metro di lunghezza.

TST
Soluzione per due pareti in laterizio: il graffaggio va annegato nei giunti di malta di entrambe le pareti pareti, che devono quindi mantenere un certo coordinamento dimensionale tra i mattoni, per garantire una posa corretta degli ancoraggi. É opportuno che la posizione del gancio coincida con il bordo degli eventuali pannelli isolanti, in modo da evitare di doverli tagliare o forare.
BST/IST
Soluzione per una parete interna in laterizio o o altro materiale (pannello prefabbricato, cemento armato, ecc. ecc.). Il graffaggio ha una estremità a T che viene annegata nei giunti di malta della muratura esterna mentre l'estremità opposta è opportunamente attorcigliata per essere fissata, con un tassello chimico, alla parete interna. È possibile inserire una bussola in nylon nel foro predisposto sulla parete interna, in modo da aiutare il tassello chimico e diminuire ulteriormente il ponte termico.
BSI
Soluzione ideata per essere utilizzata con mattoni facciavista estrusi forati. L'ancoraggio deve essere piegato in cantiere ed inserito nei fori del mattone, e successivamente fissato con malta durante la stesura del giunto.
Estratto di capitolato

Elementi di ancoraggio per il vincolo e la legatura di pareti in muratura, particolarmente mattoni facciavista, per mezzo di opportuni tiranti metallici realizzati in acciaio inox AISI 304, che vengono annegati da un lato in uno strato di legante, tipicamente malta cementizia, interposto tra due file orizzontali di mattoni, e dall'altro fissati al retrostante supporto murario portante, che può essere costituito indifferentemente da cemento armato, blocchi di mattoni sia pieni che forati o da telai metallici.
Il posizionamento di questi tiranti per murature consente l'assoluta messa in sicurezza dei rivestimenti in muratura ed il rispetto delle vigenti disposizioni normative in materia antisismica; sono inoltre garantiti dalla certificazione ottenuta presso l'Istituto Giordano

Partner UNIECO